Da gennaio 2017 Google Chrome segnalerà non sicuri i siti HTTP

Da gennaio 2017 Google Chrome segnalerà non sicuri i siti HTTP.

E’ il momento di aggiornare i siti con protocollo HTTP. Infatti, da gennaio 2017, Google Chrome segnalerà i siti HTTP come non sicuri, rendendo di fatto obbligatorio il passaggio al protocollo HTTPS. Con questo aggiornamento, il browser più utilizzato per navigare in internet, vuole aumentare il livello di sicurezza per gli utenti.

Qual è la differenza tra i due protocolli?

Nei siti HTTP i dati inseriti dagli utenti non vengono criptati. Significa che quando vengono inserite password, dati anagrafici e altre informazioni, inclusi i numeri di carta di credito, questi potrebbero essere visibili a malintenzionati.

I siti con protocollo HTTPS invece, usano il certificato SSL per l’inserimento e la trasmissione dei dati sensibili.

Cosa cambia per webmaster e proprietari dei siti internet?

Dovranno necessariamente fare il passaggio da HTTP a HTTPS. Il motivo principale è rendere il sito più sicuro, ma anche se nel proprio sito non ci fosse scambio di dati sensibili, Google Chrome andrà a segnalare tutti i protocolli HTTP come non sicuri.

Questo incide sulla credibilità del sito internet nella percezione dell’utente, e potrebbe essere un duro colpo per il posizionamento sui risultati di ricerca di Google, che tenderà a penalizzare il sito rispetto a quelli già aggiornati con HTTPS.

Cosa serve per fare l’aggiornamento?

Prima di tutto il sito dovrà dotarsi del certificato SSL. Per ottenerlo ci sarà la verifica del sito e la scelta del certificato più adatto da installare, quindi tutti i moduli dovranno essere reindirizzati al nuovo protocollo sicuro.

Senza questo adeguamento, ogni volta che un utente entrerà in un sito HTTP, Google Chrome invierà un messaggio che indica il sito non sicuro. Con il passare dei mesi il messaggio sarà sempre più visibile e darà un immagine negativa del sito web, per questo è importante intervenire il prima possibile!

Contatta PAMASOFT per ulteriori informazioni!